Rispetto dei valori della resistenza e principi della costituzione

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

Nella mattinata di oggi ho avuto modo di protocollare una mozione per delineare le misure da attuare contro ogni eventuale presenza neofascista organizzata.
Il testo della mozione, come sta accadendo anche in altri Comuni, mira da un lato a rendere evidente come ci sia un problema sempre più serio di recrudescenza dei fascismi che tendono a ripresentarsi in varie forme (tutte da bloccare ed espellere dal contesto democratico) e dall’altro a dotare anche il Comune di Crema di strumenti per meglio arginare questo grave fenomeno.

Ecco la mozione (Per scaricare la mozione cliccare qui)

Il sottoscritto Emanuele Coti Zelati, Consigliere Comunale de La Sinistra,  presenta la seguente mozione e chiede che venga iscritta all’Ordine del Giorno del Consiglio Comunale di Crema.

Mozione da inserire nell’O.d.G. del prossimo Consiglio Comunale

Oggetto: RISPETTO DEI VALORI DELLA RESISTENZA E DEI PRINCIPI DELLA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

Premesso che:

  • la Costituzione Italiana nella XII norma transitoria vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista;
  • sono sempre più frequenti le manifestazioni promosse da organizzazioni neofasciste, portatrici di valori e di idee che si collocano al di fuori dei valori costituzionali e dell’ordinamento giuridico, nonché dei principi fondamentali della convivenza civile e del rispetto della dignità umana;
  • tali manifestazioni provocano comprensibilmente l’indignazione di forze politiche e sociali, associazioni, Cittadine e Cittadini;
  • molti altri comuni, tra cui Milano, Torino, Siena, Pisa, Cuneo hanno adottato una mozione analoga alla presente;
  • nel dispiegarsi della crisi produttiva e sociale, si affermano, assieme alla sfiducia nelle Istituzioni democratiche, pericolose forme di pensiero antipolitico, populista e revisionista, che possono facilmente sfociare in manifestazioni all’insegna del neofascismo, del razzismo e della xenofobia;

Considerato che:

  • anche nella nostra provincia già esistono raggruppamenti di ispirazione neofascista: fra questi spicca l’organizzazione denominata “Casapound”;
  • è giunto il momento in cui le Istituzioni democratiche a tutti i livelli ed in ogni campo debbano costruire un argine contro rigurgiti fascisti, razzisti, xenofobi o, addirittura, pulsioni secessioniste, prima che vengano travolte dai suddetti fenomeni, nel dispiegarsi della crisi;
  • è necessario incentivare sempre più la promozione di iniziative che consentano di portare all’attenzione della popolazione, ed in modo particolare ai soggetti più giovani e vulnerabili, il problema dei nuovi fascismi.

Tutto ciò premesso e considerato
il Consiglio Comunale di Crema impegna la Sindaca e la Giunta Comunale

  • a non concedere spazi o suolo pubblico a coloro i quali non garantiscano di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti;
  • ad avviare, entro venti giorni dall’approvazione della presente mozione, l’iter per la modifica dei regolamenti comunali subordinando la concessione di suolo pubblico, spazi e sale di proprietà del Comune a dichiarazione esplicita di rispetto dei valori antifascisti sanciti dall’ordinamento repubblicano.

 

Come sempre, sono a disposizione per qualsiasi chiarimento o informazione: contattami!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *