Ringraziare gli insegnanti

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

Una lettera che ho inviato a diverse testate locali. E’ un piccolo pensiero di ringraziamento per tutti gli insegnanti che in questo periodo nefasto giocano un ruolo fondamentale per i nostri figli.

Gentile Direttore,
sono ad approfittare dello spazio sulla Sua testata per condividere con Lei ed i suoi lettori questa piccola riflessione che vuole servire a renderci più collettivamente coscienti del lavoro che quotidianamente viene svolto anche dai docenti.

In una tempo così disgraziato in cui pare saltata anche la scansione più “ovvia” della giornata i nostri figli, dai bambini agli adolescenti passando per i preadolescenti delle medie inferiori, hanno perso buona parte del contatto con gli amici, lo sport, il catechismo, gli scout e in primis con la scuola e con la galassia di relazioni che essa genera. Da genitore sono certamente preoccupato per le possibili lacune didattiche ma, ancora di più, per la perdita del “ritmo” quotidiano e di tutte le possibili innumerevoli conseguenze che potranno ricadere sui nostri figli.

Vorrei esprimermi come genitore di tre figli (dalle elementari alle medie) ed elogiare il grande lavoro, l’industriosità, la dedizione e la creatività della stragrande maggioranza dei docenti delle nostre scuole che al di là del contratto, del mansionario, dello stipendio, della scarsa considerazione economica e sociale di cui godono, dei limiti tecnologici, della situazione angosciante che come tutti patiscono, riescono a dare un contributo fondamentale per mantenere i nostri ragazzi ancorati alla normalità, trasmettendo loro preziosi semi di serenità, non risparmiando loro affetto e dedizione: in buona sostanza veri atti di cura che sono un balsamo per l’anima.

Dovremo tutti, genitori in primis, ricordarci di tutto ciò quando questa tempesta sarà passata e avere più rispetto e più fiducia in queste persone che, ancora una volta, danno un contributo fondamentale alla costruzione del futuro dei nostri figli e del nostro Paese. Ancora di più oggi.

 

 

Emanuele Coti Zelati

 

Lascia un commento