Porci a casa nostra

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

In un sentire che sembra sempre più comune, così diffuso da sembrare soverchiante (e che rischia di gettarmi nello sconforto), è sempre più presente l’opinione che fra le terribili cose che fanno gli immigrati c’è l’invaderci per rubarci il lavoro e, chiaramente, per violentare le nostre donne.

A niente sembrano valere le (sempre più) drammatiche notizie dei femminicidi quasi sempre ad opera di purissimi italiani:

e per giunta spesso (o nella maggior parte dei casi) padano:

 

Non sono certamente un esperto ma c’è un ulteriore  dato su cui non possiamo non interrogarci (e poi magari anche fare qualcosa!) e che mi ha sempre dato il voltastomaco: la prostituzione come forma di schiavismo.
Giusto per fare un esperimento ho fatto una piccola ricerca in Google Trends su tre termini di ricerca, giusto per metterli a confronto:

  • escort crema
  • bonaldi crema
  • zucchi crema

naturalmente non voglio in alcun modo sembrare irrispettoso tuttavia credo che, per avere un termine di paragone e farsi un’idea, valga la pena dare un’occhiata ai risultati:

ovviamente non è scientifico ma, ripeto pare significativo.

L’impressione che ne ricavo è che, specialmente al nord, siamo (o stiamo diventando) un popolo di intolleranti e frequentatori molto più del sesso a pagamento che della democrazia, pratica che fra l’altro alimenta le organizzazioni criminali.

Secondo i dati diffusi dalla Papa Giovanni XXIII (notoriamente degli eversivi che favoreggiano la sostituzione del popolo italiano con gli stranieri) infatti il Il profilo delineato del cliente italiano è quello di un uomo sposato (nel 77% dei casi), benestante (nel 56% dei casi), che frequenta con abitudinarietà le strade (il 75% ogni due settimane) e che è padre di famiglia.
Tutto questo tralasciando l’introito che costituisce per la criminalità organizzata che, giusto per non dimenticarcelo, in Lombardia è più o meno suddiviso così (l’indagine completa è qui):

 

Tutto questo per dirci un’altra cosa, altrettanto importante: in questo delirio contro gli altri solo perché stranieri quelli che sbraitano di più (e che spesso si definiscono cristiani, italiani e difensori della famiglia tradizionale) sono i maggiori sponsor dello schifo che emerge da questo articolo e, ancora di più, da questo video:

Poi venite a raccontarmi che il problema sono 4 profughi ad Agnadello:

(Agnadello ha 3801 abitanti, 4 profughi sono l’1‰ della popolazione)

 

 

 

Un pensiero su “Porci a casa nostra

  1. Luigi

    Purtroppo i dati per quanto evidenti ed espliciti, nulla possono contro i rimestatori dell’intransigenza maniacale dei luoghi comuni condivisi da cervelli un tanto al chilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *