Mozione contro il Decreto Sicurezza: il mio intervento in Consiglio Comunale

Standard
Tempo di lettura: 4 minuti

Durante la seduta del Consiglio Comunale di ieri sera si è discussa (anche) la mia mozione sul Decreto Sicurezza. Il documento era parte di un’azione più generale che aveva visto anche l’organizzazione di una serata/dibattito pubblica che era stata MOLTO partecipata.

La mozione era del dicembre 2018 e quindi è stata, almeno nel suo dispositivo finale, superata (ho quindi proposto durante la seduta stessa del Consiglio questi emendamenti).

Quella che segue è la traccia del mio intervento:

Ho pensato di iniziare il mio intervento di questa sera accendendo un cero alla Madonna ma poi ho pensato che non sarebbe granché originale visto quello che (ancora) ha fatto l’orrendo ministro dell’interno di questo orripilante Governo a Milano nei giorni scorsi e probabilmente accendere il cero non sarebbe nemmeno rispettoso.
Non sarebbe rispettoso perché quella religiosa è un’esperienza (che sia la propria o quella degli altri) a cui accostarsi con rispetto e delicatezza, qualunque essa sia: chi c’era, qualche anno fa, non può ricordare la violenza verbale che si consumava in piazza Duomo mentre qui si svolgeva un consiglio comunale aperto: Salvini che con la sua claque urlava “Chi non salta musulmano è!”.
Non mi pare molto differente dal “negro di merda” urlato all’indirizzo di un 13enne durante una partita di basket, sempre sul milanese, nei giorni scorsi o all’inaccettabile (anche da parte dei tribunali) azione svolta sui bambini (e non sulle famiglie) nelle mense di Lodi.
Sono tanti gli episodi analoghi a questi che punteggiano, con sempre maggiore frequenza, il nostro Paese.
Ma da dove trae origine questo sentimento di odio, questa violenza sempre meno repressa e sempre più fisica? La risposta, per quanto mi riguarda, è “in una precisa e lucida strategia di marketing elettorale che mira a criminalizzare un gruppo di persone”.
Qualcuno, nei giorni scorsi, mi ha detto durante una conversazione normale (scusatemi in anticipo per il turpiloquio): “che palle, la sinistra e la chiesa hanno in mente solo ‘sti negri”. La persona con cui parlavo è una persona come tante, con un lavoro, una laurea e pure dei figli. Il primo dato inquietante è che oggi ci si sente di poter parlare in questo modo in una conversazione normale e il secondo è, ovviamente, il contenuto. D’altra parte anche questo è l’effetto di una strategia precisa: se Berlusconi ingenerò un cambiamento antropologico nell’Italia, la Lega e i grillini ne hanno fomentato un altro peggiore: se il primo aveva un obiettivo di anestesia del pensiero, quest’altro è l’inoculazione di un tipo di virus della rabbia che non colpisce i cervelli ma i cuori.
Non ho, come priorità, quella di fare un’affermazione di demarcazione politica: non mi interessa cioè piantare una bandierina “di sinistra” su questo tema ma sono ad esprimere una preoccupazione sincera sia come cittadino che come padre: non voglio che i miei figli crescano in una società in cui è normale parlare di “negri” o in cui si possa urlare ad una donna con una bambina per mano “troia, ti stupro” perché di etnia rom (mi riferisco al caso di casal bruciato che ha visto protagonista un fascista di casa pound … a cui è vicino anche l’editore del libro credo biografico su Salvini).
Questa mozione ha quindi un obiettivo civile che dovrebbe essere trasversale a tutte le forze politiche: fare in modo che cresca una società più giusta ed inclusiva. L’inclusività, sia ben chiaro, non è una caratteristica “buonista” (altro termine “sensibile”) piuttosto uno strumento di tutela e di tenuta delle comunità: l’ho già detto in occasione della discussione sui fatti dell’attentato del pullman: l’unico modo per avere una società sicura (e non solo nel senso della sicurezza fisica) è dare la possibilità di essere “dentro” perché chi è dentro “lavora per”, abita un luogo e costruendo il proprio futuro in quel luogo contemporaneamente fa progredire quella comunità.
Questo Decreto contro cui si muove la mozione è distruttivo perché istituzionalizza la distruzione della nostra capacità di compatire, com-patire, sentire con l’altro: se io non sono più capace di “sentire quello che sente l’altro” allora, nel migliore dei casi, mi guardo solo l’ombelico e divento autoreferenziale e non capisco più niente del mondo perché nessuno o nessuna comunità basta a se stessa … molto presto muore.
Questo Governo (non solo la Lega), al di là della mia opposizione politica, porta lo stigma vergognoso di questo Decreto Sicurezza che è menzognero già nel nome: è il decreto dell’insicurezza perché non riconoscere nei fatti l’umanità dell’altro significa non solo umiliarlo ma metterlo nelle condizioni di smettere di comportarsi da persona.
Potete nascondervi dietro a qualsiasi slogan e vi vedo difendere la linea del partito rinunciando pure alla vostra indipendenza intellettuale: il decreto sicurezza fomenta ostilità e xenofobia: lo dice l’alto commissariato per i diritti umani dell’ONU che ha scritto al Ministro degli Esteri.
Le ricadute amministrative possono essere molto gravi perché puntano a spalmare i costi sui Comuni … ma non è un caso semmai è un altro tassello della strategia orrenda con cui si vogliono incriminare poveri Cristi che cercano solo di sopravvivere.
Il futuro non è scritto e specialmente il nostro tempo è caratterizzato dal repentino e profondo cambiamento delle situazioni e quindi provate, per un attimo, ad immaginare che (chissà magari sforando il 3% del rapporto deficit/pil) saremo noi a doverci imbarcare sui barconi (o “taxi del mare” come dice quell’altro fenomeno di Di Maio … sapete che sono state archiviate quelle indagini?): cari consiglieri di Lega e del M5S siete sicuri che in quel frangente vorreste incontrare i vostri omologhi per decidere della vostra sorte?
Tornate umani, restiamo umani.

Per la cronaca la mozione è stata bocciata perché ha ricevuto i voti contrari del gruppo di Zucchi, della Lega, del M5S e del PD. Sì, anche del PD.

Ad ognuno l’onere delle conclusioni e ad ognuno le proprie responsabilità politiche.


Io, come sempre, sono disponibile al confronto, per cui, chi lo desidera, può contattarmi:

 

Lascia un commento