Scuole a settembre: il grido di dolore delle Galmozzi, il disinteresse dell’Amministrazione, i problemi strutturali e di sicurezza. Faremo un esposto ai VV.FF

Standard
Tempo di lettura: 3 minuti

Nei giorni scorsi è giunta in Comune la lettera con le richieste dell’Istituto N. Mandela (che racchiude le scuole medie Galmozzi e elementari e asilo, di via Braguti e di via Curtatone Montanara).
La lettura di questo documento, che fa il punto della situazione sugli interventi necessari per poter riaprire la scuola a settembre, è davvero “edificante”. Pare un grido di dolore.
Si evince infatti un importante elenco di acquisti da fare nell’immediato e altri interventi necessari (che avevamo anche noi segnalato ricevendo epiteti come “pifferai” dalla Sindaca Bonaldi) anche in funzione della sicurezza:
in riferimento alle elementari Braguti per esempio è possibile leggere:

  • […] bagni del primo piano, che sono fatiscenti, e della mensa, chiedo di verificare le porte dei bagni del primo piano, che sono pericolanti, e la sicurezza di utilizzo degli stessi”,
  • “verificare l’impianto di riscaldamento dell’aula-video al primo piano e delle aule ‘centrali’ (quelle cioè d’angolo) al piano terra e al primo piano: sono aule fredde durante l’inverno e adesso servono”

in riferimento alle medie Galmozzi:

  • ripristinare il cancello di ingresso lato fiume (Via Martiri di Belfiore): attualmente, come da comunicazioni precedenti dell’RSPP, tutto il muro di cinta è pericolante ed è stato vietato dal nostro RSPP di avvicinarsi: i lavori sulla Scuola Galmozzi (facciata, muro di cinta, pensilina di collegamento scuola-mensa) sono slittati, come comunicato dall’Ufficio Tecnico, ma ripristinare almeno quell’ingresso laterale permetterebbe di dividere l’entrata degli alunni della Scuola Galmozzi (stiamo parlando di circa 400 alunni su questa sede, oltre ai circa 150 presenti nella sede staccata della Secondaria Galmozzi collocata presso l’edificio della Primaria Crema Nuova) su due ingressi (quello principale da Largo Partigiani e quello secondario lato fiume);
  • mancano banchi e sedie (armadi compresi) per 2 classi, già chiesti lo scorso anno e mai arrivati: le due classi hanno usato per tutto l’anno tavoli della mensa
  • Oltre ai già ricordati interventi sulla Primaria Braguti (bagni e mensa) e sulla Secondaria Galmozzi (muro di cinta, mensa, pensilina, facciata): nell’Infanzia Braguti i bagni sono vecchi di decenni, così come i pavimenti, che hanno i buchi (e sono pericolosi per la sicurezza); vi è inoltre una perdita d’acqua visibile da mesi lungo il muro del corridoio di sinistra (entrando dall’ingresso attuale dal lato della Primaria). Su questo aspetto i rappresentanti dei genitori avevano chiesto un incontro con l’Assessore all’Istruzione prima della chiusura per l’emergenza e ne chiederanno un altro a breve.

Ed infine un ultimo più che legittimo lamento di denuncia, che evidenzia l’incuria riservata da Bonaldi & Co, alla scuola pubblica: Al di là dell’emergenza, chiedo un’attenzione costante per la tutela degli edifici scolastici, che richiede sia interventi di manutenzione ordinaria continui, al fine di evitare il deperimento di beni pubblici importanti quali sono le scuole, sia una visione pluriennale e ‘lungimirante’ su beni che lasceremo a chi verrà dopo di noi.

Da tempo ormai denunciamo in tutti i modi lo stato in cui questa amministrazione lascia le scuole. Questo non impedisce alla Sindaca Bonaldi di:

  • aver fatto una variazione di bilancio da 600.000 € per le luci al Voltini (votata da tutti i consiglieri di maggioranza)
  • aver elargito quello che di fatto è un prestito a tasso zero per Sport Management da 150.000 €
  • aver dato decine di migliaia di euro alle scuole private (in accordo con tutta la Giunta)
  • aver bocciato tutti i nostri emendamenti al bilancio che miravano a spostare soldi proprio per  intervenire su situazioni come quelle sopra elencati

È davvero triste dover leggere quanto presente nella lettera del Dirigente! Piuttosto che preoccuparsi di dare quasi 500 € ad un influencer per fare pubblicità al film di Guadagnino, si impegnasse, questa Amministrazione, ad aggiustare le maniglie delle porte delle scuole, a riparare i buchi nei pavimenti, a permettere ai nostri figli di andare in servizi igienici che non siano fatiscenti!

Noi faremo tre cose:

Come sempre restiamo a disposizione dei cittadini che desiderano (come altri hanno già fatto) contattarci per collaborare: non si tratta nemmeno più di una questione politica ma di decenza. Il nostro contatto è segnalazioni@cotizelati.it.

dott. Emanuele Coti Zelati
Capogruppo de LA SINISTRA

Paolo Losco
Coordinatore de LA SINISTRA

Lascia un commento