Convezione ALER: un’occasione persa che non risolverà i molteplici problemi dell’ERP

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

Il tema dell’ERP (Edilizia residenziale pubblica) è fondamentale in un’ottica di sistema di welfare. L’abitare (bene e in maniera dignitosa) è uno dei fattori fondamentali per consentire alle persone e alle famiglie di partecipare positivamente e attivamente alla vita della comunità.
I problemi che affliggono le “case popolari” sono molti e hanno origini e responsabili diversi e siamo ben consapevoli di essere di fronte ad un problema complesso: siamo però anche persuasi che se si vogliono risolvere vecchi problemi (manutenzione, morosità, gestione degli spazi e delle regole) non è possibile riproporre vecchi rimedi.
La nuova convenzione con ALER, gestore che ha lasciato molto spesso insoddisfatti, è un’occasione mancata: le piccole migliorie introdotte non potranno certo correggere i gravi problemi che è facile, per chiunque, registrare.
Quando ci hanno chiesto di affrontare, affidandoci la delega consigliare, il tema delle case popolari (rimasto trascurato nel primo mandato) abbiamo avanzato una serie di proposte e avviato diverse interlocuzioni: la gestione dell’ERP, in molti altri comuni come Cremona, Milano ed altri, è stato trasformato da problema ad opportunità di innovazione sociale.
E’ questa, a nostro avviso, la mancanza più grave delle azioni della Giunta: essere incapaci di innovare, perdere le occasioni per farlo, muoversi su sentieri già mille volte battuti e dimostratisi inefficaci. Tuttavia non ci stupisce: una maggioranza incapace di dialogare al suo interno e con una Sindaca accentratrice e iper decisionista, si viene a creare una situazione per la quale nessuno stimolo o proposta esterna viene colta riuscendo quindi a fare solo quello che si è sempre fatto, male.
E’ sufficiente infatti leggere la convezione per comprendere l’inefficacia delle soluzioni proposte: quanta efficacia potrà infatti avere una penale di 10 € per un ritardo di un mese nella stipula dei contratti di locazione? Oppure, sempre di 10 €, per il ritardo nelle manutenzioni condominiali come per esempio spurghi e disinfestazioni?
In definitiva pensiamo che, purtroppo, la situazione degli inquilini degli alloggi popolari non migliorerà per responsabilità di una Giunta capacissima di impegnarsi per prestare a tasso 0 185.000 € alla S.P.A. che gestisce la piscina (per fare business) ma senza interesse e capacità sufficienti per ricercare nuove soluzioni e ottenere da ALER una convenzione che migliori davvero la vita delle persone.

 

dott. Emanuele Coti Zelati
Capogruppo de LA SINISTRA

Paolo Losco
Coordinatore de LA SINISTRA

 

Scarica la convenzione tra ALER e Comune di Crema

Lascia un commento