Alberi via Bacchetta: un capitale cresciuto nei decenni che deve essere salvaguardato

Standard
Tempo di lettura: 1 minuto

La questione degli alberi di via Bacchetta e del loro ipotetico abbattimento è molto importante.
L’alberatura cittadina, e più in generale il verde pubblico, hanno un valore che va ben oltre il fattore estetico/decorativo: quello culturale e del richiamo alla natura, la funzione di riparo dalla calura estiva, quello psicologico di ammirare un albero centenario sono esempi di valori difficilmente monetizzabili ma, non per questo, meno significativi.
In queste ragioni sta, probabilmente, la reazione della città alla notizia del possibile abbattimento in questione: si tratterebbe di una perdita irreparabile e definitiva di un capitale letteralmente cresciuto nell’arco dei decenni: perché volerci rinunciare?

E’ necessario quindi fermarsi, valutare tutte le opzioni tecniche disponibili chiedendo l’intervento di professionisti preparati ed autorevoli: pensiamo che il mandato da dare non possa che essere quello di trovare la via per conservare gli alberi (al netto, chiaramente, di quelli pericolosi perché malati) e, contemporaneamente, superare le barriere poste dagli stessi.

La bellezza (largamente intesa) della nostra città, che è un bene collettivo e non di pochi, passa anche da questo. Per questo auspichiamo che la questione in oggetto divenga l’occasione per costruire un migliore approccio alla gestione delle alberature cittadine che sappia cioè riconoscere profondamente il valore collettivo degli alberi, della storia che incarnano e della funzione sociale che assolvono e non si limiti ad un approccio meramente tecnicistico.
Questa è la nostra direzione di lavoro.


Come sempre, sono disponibile ad ogni osservazione e al dialogo:

Lascia un commento