Lombardia in zona rossa per errore: un’ingiustificata limitazione, depositato esposto

Standard
Tempo di lettura: 1 minuto

Da quanto riportano i media, la Lombardia è stata erroneamente inserita in zona rossa con le conseguenti limitazioni delle nostre libertà: di movimento, di svago, economiche. Di chi è l’errore? Regione Lombardia e Ministero bisticciano, come due bambini. Litigano per decidere chi ha sbagliato: un pressapochismo e un’incompetenza che paghiamo (caro e salato!) noi cittadini e le attività economiche.

Continua a leggere

Finalpia: la vendita sia subordinata ad un progetto concreto e definito

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

Il futuro di Finalpia è un tema molto importante e la nuova normativa (che è stata approvata in Consiglio Comunale senza il nostro voto) certamente non aiuta il Comune di Crema a decidere serenamente circa l’ex colonia.

La nuova normativa non consente al Consiglio Comunale di mantenere un vero controllo sul CdA della Fondazione Colonia Finalpia, cosa che rischia di produrre delle aberrazioni come quella che abbiamo visto su Fondazione Benefattori Cremaschi: il caso dei 100.00 € che Uniti per Cremona rivuole indietro perché spesi su capitoli differenti rispetto a quelli previsti dalla donazione e della Sindaca Bonaldi che non commenta – perché la cosa riguarda FBC e Uniti per Cremona e non il Comune! – è sufficientemente emblematico di una politica che non si prende le proprie responsabilità e di un organismo con cui, per poter interloquire, i Capigruppo di minoranza hanno dovuto predisporre una richiesta scritta comune salvo poi scoprire che la comunicazione tra la Presidente di FBC Baruelli e la Sindaca  è costante. Continua a leggere

Donazione di Uniti per Cremona a FBC: se confermata la poca trasparenza il CDA si dimetta

Standard
Tempo di lettura: 1 minuto

Quello che si apprende oggi dalla stampa (La Provincia) circa possibili ricadute dell’affair Crotti/Uniti per Cremona su FBC ci lascia increduli ed esterrefatti.

Sembrerebbe infatti che Fondazione Benefattori Cremaschi, destinataria di una donazione di 100 mila euro che “dovevano essere destinati a un reparto per ospitare pazienti affetti da Covid dimessi dagli ospedali”, abbia speso quella cifra per altro. Ora, ovviamente (e giustamente) Uniti per Cremona dovrebbe aver attivato i propri legali per riavere quella cifra.

Troviamo il comportamento del CDA, che sembra confermato dalla stessa Presidente Baruelli, assolutamente grave ed inaccettabile.

Chiediamo quindi, qualora i fatti fossero rispondenti alla realtà, che Baruelli ed il CDA restituiscano la cifra in questione e, subito dopo, rassegnino le proprie dimissioni.

Ugualmente chiediamo che il Consiglio Comunale tutto intervenga in questo senso, a partire dalla maggioranza e dalla Sindaca Bonaldi che, come da regolamento, ha scelto i membri del CDA di Fondazione Benefattori Cremaschi, i quali hanno preso una decisione che, se confermata, non potrebbe essere accettata all’interno di un ruolo che presuppone la più totale trasparenza.

Rientro a scuola il 7 gennaio: come verrà sciolto il nodo trasporti? Presentata interrogazione scritta

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

Auspicabilmente il 7 gennaio anche gli studenti e le studentesse delle scuole medie superiori potranno finalmente ritornare fisicamente in aula.

La scuola è già stata mortificata ripetutamente e con lei le generazioni che stanno crescendo al suo interno. Con la ripresa di settembre nessuno, né il Ministero e nemmeno Regione Lombardia, si era preoccupata di organizzare i trasporti affinché i nostri figli potessero muoversi in sicurezza.

Così, abbiamo dovuto assistere al fatto che anche le scuole che disponevano degli spazi per accogliere il 100% degli studenti hanno dovuto attivare comunque la DaD perché il gestore privato del trasporto pubblico non aveva assicurato l’adeguato aumento di corse e posti, successivamente la scuola è stata chiusa obbligando spesso i genitori a lasciare a casa da soli bambini sotto i 14 anni (ricordiamo che fino a tre settimane fa le terze medie erano pure in DaD).  Continua a leggere

La gestione della piscina e l’attenzione all’operato di SM fa acqua da tutte le parti

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

Non è stato facile ottenere la convocazione della Commissione per poter discutere pubblicamente della piscina di Crema: probabilmente la maggioranza avrebbe voluto, come ultimamente si sta verificando sempre più spesso, discuterne in sedi riservate.

Durante la Commissione che si è svolta qualche giorno fa è emersa l’incapacità di gestione della situazione della piscina da parte dell’Amministrazione.
Continua a leggere

Levano ciclabili e le sostituiscono con parcheggi per auto: ecco la strategia della Giunta per migliorare l’ambiente.

Standard
Tempo di lettura: 1 minuto

“Avanti le auto, indietro le biciclette!” è questo il pensiero che deve aver attraversato la mente dell’Amministrazione.
Dopo aver bocciato la nostra proposta di elaborazione di un piano comunale per la qualità dell’aria perché reputano di aver già fatto bene ed abbastanza (così hanno detto in Consiglio Comunale), la Continua a leggere

Concordato preventivo di Sport Management e situazione piscina: se ne parli in pubblicamente in Commissione

Standard
Tempo di lettura: 2 minuti

In seguito alla vicenda del centro comunale natatorio Bellini, gestito in convenzione da Sport Management SPA che, come ultimo atto di un percorso che in più di un’occasione ha fatto sobbalzare la città, ha chiesto il concordato preventivo e vista la totale mancanza di comunicazione al consiglio comunale da parte della Sindaca Bonaldi e dell’Amministrazione con alcuni consiglieri di minoranza, ho deciso di richiedere (in virtù dell’art. 8, comma 6 del Regolamento del Consiglio Comunale di Crema) la convocazione di una commissione che discuta pubblicamente della vicenda poiché non  è tollerabile che ci si possa accontentare di un comunicato stampa della Sindaca, come il PD e la maggioranza, evidentemente, vorrebbero.

Ecco la richiesta della convocazione: da regolamento essa dovrà essere convocata entro 10 giorni dala richiesta.

 

 

Crema, 10 ottobre 2020

 

Alla c.a. del Presidente del Consiglio Comunale
del Segretario Generale

 

Con la presente, i sottoscritti Consiglieri Comunali sono a richiedere la convocazione di una Commissione Comunale avente il seguente o.d.g.

  • aggiornamento circa il gestore del centro natatorio comunale Bellini
  • lo stato di funzionamento dello stesso impianto, una ricognizione dello stato di realizzazione degli impegni prescritti dalla convenzione in essere

Continua a leggere

Piano Comunale per la qualità dell’aria: la maggioranza boccia la sua creazione, sprecando un’occasione per la città

Standard
Tempo di lettura: 1 minuto

Durante la riunione del Consiglio Comunale che si è tenuta l’8 ottobre 2020 la maggioranza a guida PD ha bocciato la mia mozione che, semplicemente, richiedeva di stendere entro il settembre 2021 un Piano Comunale per la qualità dell’aria.

Questo piano prevedeva sostanzialmente la possibilità di raccogliere le idee e pianificare azioni atte a migliorare la qualità dell’aria della nostra città attraverso il contributo che tutte le forze politiche consigliari possono dare. Continua a leggere